Iva ridotta su alimenti e cure per pet: accolto l’ordine del giorno di Michela Brambilla

L’iva sugli alimenti per animali e sulle prestazioni veterinarie potrebbe essere ridotta al 10%.

Con l’approvazione della legge di bilancio, il Governo ha infatti accolto l’ordine del giorno firmato dal deputato alla Camera Michela Vittoria Brambilla impegnandosi a valutare questa opzione.

Lo riporta il Corriere della Sera all’interno di un breve articolo in cui viene spiegato che, in prima istanza, il corrispondente emendamento, presentato dall’Intergruppo parlamentare per i diritti degli animali, era stato bocciato dalla maggioranza in commissione Bilancio.

«Restiamo convinti degli obiettivi che ci eravamo prefissi: ridurre gli oneri fiscali indiretti sui proprietari di animali d’affezione e stimolare la ripresa rafforzando una delle filiere più dinamiche e resilienti dell’economia, quella della cura e dell’alimentazione dei milioni di animali che vivono nelle case degli italiani» ha dichiarato la deputata di Forza Italia. «Sono proposte che meriterebbero di essere seriamente considerate non solo come strumento per stimolare la ripresa, ma soprattutto quale concreta applicazione del principio “one health” di cui da tempo l’Organizzazione mondiale della Sanità si fa portavoce».

form

Potrebbero interessarti anche...